Indicatore di legislatura: Servizio militare per il promovimento della pace all’estero


Estratto dall’obiettivo 17: la Comunità internazionale è fortemente sollecitata ad affrontare le sfide nazionali e internazionali nei settori pace, sicurezza, stabilità finanziaria, crescita economica, lotta alla povertà e cambiamenti climatici. […] Nel suo ruolo di difensore del diritto internazionale umanitario e di mediatore neutrale fra parti in conflitto il nostro Paese continuerà ad impegnarsi per il mantenimento della pace e per la stabilità in Europa e nel mondo.

Significato dell’indicatore: il promovimento della pace nel contesto internazionale è uno dei tre mandati assegnati all’esercito svizzero conformemente alla legge militare. L’esercito svizzero partecipa a missioni di promovimento della pace nel mondo intero dal 1953.
L’indicatore mostra il numero di giorni di servizio prestati annualmente da membri dell’esercito in impieghi di promovimento militare della pace all’estero.

Obiettivo quantificabile: la Svizzera continua a impegnarsi a favore del promovimento militare della pace all’estero.

Commento

Tra il 2001 e il 2017, il numero di giorni di servizio prestati dall’esercito nell’ambito di missioni di promovimento della pace è aumentato. Dopo, però, se ne è registrato un calo: nel 2018, l’esercito svizzero ha prestato 97 714 giorni di servizio (2017: 114 078). In media, ogni giorno hanno partecipato a impieghi di promovimento militare della pace 268 membri dell’esercito svizzero.

La componente maggiore (71%) era rappresentata dall'impiego dell'esercito svizzero in Kosovo (SWISSCOY). Nel quadro di programmi di sminamento dell’ONU, gli esperti svizzeri hanno prestato 3558 giorni di servizio. Con rispettivamente 7588 e 16 949 giorni di servizio, l'esercito svizzero ha inoltre partecipato alla missione EUFOR ALTHEA in Bosnia ed Erzegovina nonché a spiegamenti di osservatori militari dell’ONU in varie missioni.


Tabelle

Metodologia

L’indicatore mostra il numero di giorni di servizio dell’esercito destinati al promovimento militare della pace all’estero sull’arco di un anno. L’esercito svizzero partecipa alla Commissione di supervisione delle nazioni neutrali sull’armistizio in Corea dal 1953, alla missione di pace in Kosovo KFOR con la SWISSCOY dal 1999 e alla missione EUFOR ALTHEA in Bosnia ed Erzegovina dal 2004. A ciò si aggiungono spiegamenti di osservatori militari in diverse missioni dell’ONU nonché di esperti in programmi di sminamento dell’ONU.

I giorni di servizio prestati per il promovimento militare della pace sono pubblicati dallo Stato maggiore di condotta dell’esercito nei bilanci annuali degli impieghi.

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Ambiente, sviluppo sostenibile, territorio
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/temi-trasversali/monitoraggio-programma-legislatura/indicatori/servizio-militare-promovimento-pace-estero.html