Indicatore di legislatura: Dipendenza energetica dall’estero


Estratto dall’obiettivo 16: Per rispettare l’Accordo di Parigi sul clima il nostro Collegio favorisce le misure per l’attuazione della strategia energetica: da un lato è necessario migliorare l’efficienza energetica degli edifici, dei dispositivi e nel settore dei trasporti e dall’altro bisogna sviluppare vettori energetici rinnovabili.

Significato dell’indicatore: in Svizzera, la maggior parte dei vettori energetici primari di origine indigena è rinnovabile. Un aumento della loro produzione, accompagnato da un calo del saldo delle importazioni di vettori energetici e combustibili nucleari, per lo più non rinnovabili, è in linea con le politiche energetiche e climatiche e riduce inoltre la dipendenza energetica. Quest’ultima rende vulnerabile l’economia indigena, specialmente in caso di crisi internazionale.
Questo indicatore mostra la quantità di energia lorda importata (saldo d’importazione di vettori energetici e combustibili nucleari) e la quantità di energia prodotta in Svizzera.

Obiettivo quantificabile: la dipendenza energetica dall’estero diminuisce.

Commento

Dagli anni Ottanta, la produzione indigena di vettori energetici primari è tendenzialmente aumentata. Il saldo delle importazioni e i combustibili nucleari presentano invece una tendenza al ribasso delineatasi fin dalla metà degli anni 2000. Tra il 1980 e il 2006, la dipendenza energetica della Svizzera nei confronti dell’estero (quota del saldo delle importazioni e dei combustibili nucleari sul totale dell’approvvigionamento) oscillava intorno all’80 per cento. Da allora si osserva però una tendenza al ribasso. Per quanto riguarda l’approvvigionamento energetico, nel 2019 la Svizzera dipendeva per il 75 per cento dall’estero.


Tabelle

Metodologia

L’indicatore mostra la quantità di energia lorda importata (saldo delle importazioni di vettori energetici e combustibili nucleari) e la quantità di energia prodotta in Svizzera.

Il saldo delle importazioni è la differenza tra le importazioni e le esportazioni di vettori energetici senza i combustibili nucleari. Questi ultimi sono considerati separatamente, poiché tra la loro importazione e il loro utilizzo in una centrale nucleare può trascorrere un periodo di tempo molto lungo. L’energia lorda prodotta sotto forma di calore a partire da combustibile nucleare è calcolata sulla base della produzione di elettricità delle centrali nucleari, considerando un tasso di efficacia del 33 per cento e tenendo conto del calore a distanza fornito.

I dati sono ricavati dalla statistica globale dell’energia. Questa statistica di sintesi, che poggia su diverse rilevazioni di dati relative alla produzione e al consumo di energia, è realizzata dall’Ufficio federale dell’energia (UFE).

Fonti

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Ambiente, sviluppo sostenibile, territorio
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/temi-trasversali/monitoraggio-programma-legislatura/indicatori/dipendenza-energetica-estero.html