Indicatore di legislatura: Quota di aiuto sociale


Estratto dall’obiettivo 10: ci attiviamo per assicurare una base duratura alla convivenza e a consolidare la coesione sociale. […] In particolare occorre rafforzare le famiglie e combattere la povertà economica e sociale in Svizzera.

Significato dell’indicatore: nel sistema di sicurezza sociale della Svizzera, l’aiuto sociale costituisce l’ultima rete di protezione. Interviene in caso di povertà garantendo il fabbisogno vitale delle persone in difficoltà mediante un sostegno materiale legato al bisogno. L’aiuto sociale promuove inoltre l’indipendenza economica e personale e sostiene gli sforzi d’integrazione sociale e professionale. L’aiuto sociale contribuisce quindi attivamente alla prevenzione della povertà.
La quota di aiuto sociale mostra la percentuale di beneficiari dell’aiuto sociale che hanno percepito almeno una prestazione durante l’anno della rilevazione sulla popolazione residente permanente dell’anno precedente.

Obiettivo quantificabile: la povertà in Svizzera diminuisce entro la fine del 2019.

Commento

La quota di aiuto sociale è rimasta pressoché stabile dal 2005. Nel 2016, con il 3,3% era superiore di 0,1 punti percentuali rispetto al 2005 (3,2%). Nel 2016 sono state sostenute mediante prestazioni di aiuto sociale circa 273 300 persone, ossia 7600 persone in più rispetto all’anno precedente. Nonostante nello stesso periodo anche la popolazione residente sia cresciuta, la quota di aiuto sociale è aumentata di 0,1 punti percentuali.

Dal 2005 i gruppi esposti al rischio di dipendere dall’aiuto sociale restano sostanzialmente gli stessi: bambini, stranieri, famiglie monoparentali e divorziati continuano ad essere quelli esposti a un rischio più elevato. Tra le persone di nazionalità straniera, nel 2016 la percentuale dei beneficiari dell'aiuto sociale è stata del 6,3%, con un calo di 0,3 punti percentuali rispetto al 2005. Nello stesso periodo, la quota di aiuto sociale svizzera è aumentata di 0,1 punti percentuali, raggiungendo il 2,3%.

Il livello di istruzione svolge un ruolo importante per quanto riguarda il rischio di dipendere dall’aiuto sociale. Le persone senza una formazione post-obbligatoria sono nettamente in maggioranza nell’aiuto sociale: la quota di queste persone tra i beneficiari dell'aiuto sociale è quasi tre volte superiore a quella del totale della popolazione residente permanente. Con il 50,3%, nel 2016 rappresentavano oltre la metà dei beneficiari dell’aiuto sociale, mentre il 42,8% ha completato una formazione professionale o una scuola di maturità e il restante 6,9% ha ottenuto un diploma di grado terziario.

La quota di economie domestiche beneficiarie dell’aiuto sociale descrive la percentuale di economie domestiche private che riscuotono prestazioni sul totale delle economie domestiche private. Nel 2016 tale quota era pari al 4,2%. Al di sopra di questo valore si situa la quota delle economie domestiche composte da una sola persona che nel 5,5% dei casi ha percepito l'aiuto sociale. Nel caso delle famiglie monoparentali, il 22,1% delle economie domestiche ha fatto ricorso all’aiuto sociale.


Tabelle

Metodologia

L’aiuto sociale costituisce l’ultima rete di protezione nel sistema di sicurezza sociale. Per determinare il bisogno di aiuto sociale, i servizi sociali s’ispirano principalmente alle direttive della Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (COSAS).

L’indicatore mostra la percentuale di persone che hanno percepito almeno una prestazione durante l’anno della rilevazione sulla popolazione residente permanente al 31 dicembre dell’anno precedente. Dal 2011, la quota di aiuto sociale è calcolata partendo dalla statistica della popolazione e delle economie domestiche (STATPOP), che ha sostituito la statistica dello stato annuale della popolazione (ESPOP) quale base di riferimento. I dati per calcolare la quota di aiuto sociale sono rilevati e pubblicati annualmente dall’UST nella statistica dell’aiuto sociale, una rilevazione totale.

Definizioni

Aiuto sociale
L’aiuto sociale, che costituisce l’ultima rete di protezione nel sistema di sicurezza sociale, comprende tutte le prestazioni di sostegno, consulenza e assistenza legate al bisogno e mira a garantire il fabbisogno vitale qualora tali prestazioni non siano già fornite da un’assicurazione sociale. L’aiuto sociale include inoltre tutte le misure (in particolare preventive) volte a scongiurare la povertà. Tra di esse figura la promozione dell’indipendenza economica e personale e della reintegrazione sociale delle persone bisognose. Il diritto in materia di aiuto sociale rientra nella sfera di competenza dei Cantoni; sono previste competenze federali nel settore dell’asilo e dell’aiuto agli svizzeri all’estero. Ogni Cantone fonda pertanto tutte le attività di aiuto sociale del Cantone e dei Comuni sul proprio diritto in materia di aiuto sociale. Buona parte di queste leggi è stata riveduta negli anni Ottanta e Novanta; altre revisioni sono in preparazione.

Fonti

Rilevazione

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Ambiente, sviluppo sostenibile, territorio
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/temi-trasversali/monitoraggio-programma-legislatura/indicatori/quota-aiuto-sociale.html