Situazione finanziaria delle economie domestiche

Reddito disponibile equivalente

Le persone di meno di 65 anni che vivono in un’economia domestica composta da una coppia senza figli dispongono di un reddito disponibile equivalente sensibilmente maggiore rispetto ad altri tipi di economia domestica.

In materia di reddito, le persone più svantaggiate sono quelle che vivono in un’economia domestica monoparentale o in una composta da una coppia con tre o più figli.

Spese di consumo

La voce più importante nel budget domestico sono le spese obbligatorie come le imposte e i premi per l'assicurazione malattie. Nei tre tipi di economia domestica considerati le spese per i prodotti alimentari e le bibite non alcooliche rappresentano solo una piccola parte del budget (5-7%).

Le economie domestiche senza figli riescono a mettere da parte quasi un quinto del loro reddito per i risparmi. Alle coppie con figlio/i resta il 16%. Nettamente più basso è il tasso di risparmio possibile ai genitori soli con figlio/i, cioè inferiore al 10%.

Difficoltà finanziarie

La valutazione soggettiva della situazione finanziaria conferma i risultati della distribuzione del reddito in funzione del tipo di economia domestica: quasi una persona su tre che vive in un’economia domestica monoparentale e una su cinque che vive in coppia con tre figli o più dichiara di avere difficoltà a sbarcare il lunario.

I tassi di rischio di povertà mostrano che una parte consistente di economie domestiche con figli versa in una situazione finanziaria difficile: quasi un quarto delle persone viventi in economie domestiche monoparentali e il 13% di quelle che vivono in economie domestiche composta da una coppia con figli sono a rischio di povertà e dispongono quindi di un reddito al di sotto o appena al di sopra della soglia di povertà. Presentano un rischio elevato di scivolare in una condizione di povertà assoluta qualora dovessero affrontare un peggioramento anche solo lieve della loro situazione reddituale o familiare (ad es. una separazione o la nascita di un figlio). Questo tende a succedere quanto più figli vivano nell’economia domestica e quanto più piccolo sia il figlio minore.

In Svizzera vi sono diverse prestazioni che compensano parzialmente l’onere finanziario di economie domestiche con figli e che sono volte a contribuire a evitare la povertà delle famiglie.

Senza i trasferimenti sociali il tasso di povertà di tutti i tipi di economia domestica sarebbe nettamente più alto. Tuttavia i trasferimenti hanno un’incidenza nettamente maggiore nel caso di persone sole, economie domestiche monoparentali ed economie domestiche composte da una coppia con figli che in quelle composte da una coppia senza figli. Nei nuclei monoparentali, in effetti, i trasferimenti sociali riducono il tasso di povertà di quasi i due terzi (dal 37 al 13%).

Informazioni supplementari

Tabelle

Definizioni

Basi statistiche e rilevazioni

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Demografia e migrazione
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiken/bevoelkerung/familien/finanzielle-situation-haushalte.html