Razzismo e integrazione

Le cifre presentano le opinioni della popolazione in merito al funzionamento delle politiche svizzere in materia d'integrazione e di lotta contro la discriminazione razziale. Indicano quali sono gli attori o le attrici che si dovrebbero investire in misura superiore o inferiore nella gestione della diversità.

La popolazione valuta in modo piuttosto favorevole il funzionamento dell'integrazione dei/delle migranti in Svizzera, mentre la questione del razzismo è considerata un problema sociale serio.

Il 55% delle persone interrogate sull'integrazione dei/delle migranti indica che in Svizzera si procede bene; il 43% ritiene invece che funzioni male. Per più di un terzo delle persone la questione del razzismo non è un problema serio. Il 59%, tuttavia, ritiene che sia un problema sociale considerevole.

Si propone una valutazione dell'efficacia delle misure adottate in Svizzera in favore dell'integrazione dei/delle migranti e della lotta contro la discriminazione razziale.

Il 55% delle persone cui è stato chiesto di esprimersi sull'integrazione ritiene che le misure adottate soddisfino i bisogni, il 16% pensa che siano troppe e il 26% che siano insufficienti. Per quanto riguarda la lotta contro il razzismo, il 59% stima che le misure messe in opera siano adatte, il 7% che siano superiori ai bisogni e il 31% che siano insufficienti.

Sia nel caso dell'integrazione dei/delle migranti che in quello della lotta contro la discriminazione razziale, la popolazione formula la propria opinione nei confronti degli attori e delle attrici incaricati della definizione delle misure necessarie.

Sul totale delle persone insoddisfatte della situazione in termini di integrazione, il 45% stima che sia lo Stato a dover adottare delle misure, il 17% considera che questo spetti a ogni individuo e il 12% alle associazioni o alle ONG. L’11% pensa che sia compito delle straniere e degli stranieri stessi di fare uno sforzo d’integrazione.

Il 29% delle persone insoddisfatte per quanto concerne la lotta contro il razzismo ritiene che le misure andrebbero prese dalla Confederazione, dai Cantoni o dai Comuni e il 24% da ogni individuo. Il 19% di queste persone considera che le misure dovrebbero essere adottate da donne e uomini in politica e il 15% dalle scuole o dagli/dalle insegnanti.

Classifica degli attori
Rango Classifica generale Integrazione dei/delle migranti Lotta contro il razzismo
Top 5
1 Stato Stato Stato
2 cittadini, cittadine cittadini, cittadine cittadini, cittadine
3 mondo politico associazioni mondo politico
4 scuole stranieri, straniere scuole
5 associazioni mondo politico associazioni
6 stranieri, straniere ambito del sociale media
7 ambienti economici scuole potere legislativo
8 ambito del sociale ambienti economici chiese
9 potere legislativo potere legislativo stranieri, straniere
10 media altri attori ambienti economici

A prescindere dall'ambito, lo Stato rimane l'attore maggiormente citato. Il secondo tra i fattori più spesso menzionati è la responsabilità individuale e il ruolo dei/delle cittadini/e. Il mondo politico è considerato un attore chiave nell'ambito della lotta contro il razzismo e meno in quello dell'integrazione, dove prende invece piede il ruolo delle associazioni o delle ONG.

Informazioni supplementari

Tabelle

Fonti

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Demografia e migrazione
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiken/bevoelkerung/migration-integration/zusammenleben-schweiz/evaluation-der-politik.html