Atteggiamenti nei confronti della diversità

Concetto

Il razzismo si riferisce alla svalutazione di certi individui e gruppi sulla base di caratteristiche biologiche o culturali attribuite loro. L'indice di razzismo permette di cogliere il disaccordo o l'accordo con questo atteggiamento.

Interpretazione

Il valore medio dell'indice che misura gli atteggiamenti razzisti è 1,4 nel 2020, su una scala da che va da 1 (in disaccordo con gli atteggiamenti) a 4 (in accordo con gli atteggiamenti). Nel periodo preso in esame, gli atteggiamenti negativi (valori dell'indice tra 3 e 4) sono meno diffusi nella popolazione rispetto agli atteggiamenti positivi (tra 1 e 2).

Raffronto

L'accordo con gli atteggiamenti razzisti è meno diffuso e meno forte dell'accordo con tutti gli altri tipi di atteggiamenti negativi nei confronti della la diversità: 1,4 rispetto a circa 2 per gli atteggiamenti xenofobi e ostili.

Più cifre su questo argomento

Utilizzati per costruire l'indice che misura gli atteggiamenti razzisti, i risultati qui sotto dettagliano quali gruppi o individui possono dare fastidio alla popolazione a causa della loro differenza. Illustrano le situazioni nelle quali queste differenze sono considerate più problematiche.

  • Prevalenza e lavoro: un terzo della popolazione ha dichiarato di provare fastidio indipendentemente dalla situazione e dalla causa. L’intensità della sensazione di fastidio può variare a seconda della situazione. È soprattutto nel contesto professionale che la diversità può causare disagio.
  • Lingua: il fastidio legato alla presenza di persone che parlano un'altra lingua è maggiore in ambito lavorativo (19%) rispetto alle altre situazioni di vita (11-12%). Quando questo fattore non è preso in considerazione nell'analisi, l'ambito professionale diventa la situazione in cui la diversità è percepita come meno fastidiosa (10% contro 13%).
  • Stile di vita nomade: nella vita di tutti i giorni, è più probabile che le persone si sentano infastidite dalla presenza di persone con uno stile di vita nomade (18,5%). Coloro che provano una sensazione di fastidio citano in particolare gli zingari, ma anche i rom. 
  • Integrazione: tra le cause presentate, la presenza di persone percepite come "non integrate" e di persone che non rispettano la cultura o i valori svizzeri è una fonte di fastidio.

Informazioni supplementari

Tabelle

Fonti

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Demografia e migrazione
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/popolazione/migrazione-integrazione/convivenza-svizzera/diversita.html