Atteggiamenti nei confronti dei gruppi target

Nel contesto attuale si osserva una cristallizzazione delle tensioni sociali nei confronti dei musulmani e di altre "minoranze visibili" come i Neri o le popolazioni migranti ed anche nei confronti degli ebrei.

Le cifre qui presentate indicano quali sono gli atteggiamenti della popolazione nei confronti di tre gruppi: i musulmani, i Neri e gli ebrei.

Atteggiamenti nei confronti dei gruppi
 

Musulmani/e

Neri/e

Ebrei/e

Rifiuto di classificare

93% 95% 95%

Rifiuto categorico di classificare

71% 74% 75%

Rifiuto degli stereotipi

4% 9% 9%

Approvazione con gli stereotipi

14% 7% 12%

Ostilità

11% 11% 9%

Diffidenza verso la religione

29% - -

Rifiuto di classificare

L'indicatore cerca di stabilire se i gruppi siano percepiti in modo uguale o meno dalla popolazione che vive in Svizzera.

Nella maggior parte dei casi la popolazione percepisce in modo positivo musulmani, Neri ed ebrei. La quota della popolazione in accordo con l'affermazione secondo cui il singolo gruppo sia come tutte le altre persone ammonta al 93% se si tratta di musulmani, al 95% se si tratta di ebrei e al 95% nei confronti dei Neri.

Stereotipi: tra approvazione e rifiuto

Il grafico seguente illustra due tipi di reazione possibile di fronte alla presentazione di una serie di stereotipi: l’approvazione sistematica con le caratteristiche e il sistematico rifiuto delle stesse caratteristiche.

La quota della popolazione che ritiene che gli aggettivi negativi attribuiti ai musulmani siano veritieri, è pari al 14%. La percentuale scende al 12% quando gli stereotipi riguardano gli ebrei e al 7% quando concerne i Neri. Questi dati indicano che a priori si hanno opinioni più positive sui Neri rispetto a quelle riguardanti gli altri gruppi.

Nel caso dei musulmani, le persone d’accordo con gli stereotipi negativi (14%) vanno di pari passo con la bassa percentuale della popolazione che rifiuta le caratteristiche (4%). Nel caso dei Neri, la quota di popolazione che rifiuta sistematicamente le caratteristiche è più elevata (9%) rispetto al primo gruppo. Approvazione (12%) e rifiuto (9%) sono relativamente elevati per quanto riguarda gli ebrei.

Ostilità

L’ostilità nei confronti di vari gruppi è rilevata per mezzo di indici costruiti sulla base di raggruppamenti di diverse affermazioni negative. Le cifre seguenti rispecchiano fenomeni quali il razzismo o l’antisemitismo.

Nel 2018 la quota di persone ostili ai musulmani e alle musulmane  era pari all’11%. Per avere una visione più completa del comportamento della popolazione verso i musulmani, questo indice di ostilità può essere messo in relazione con quello che misura la diffidenza verso l’islam. La quota di persone diffidenti o che non approvano l’islam è del 29%. La diffidenza nei confronti della religione è quasi tre volte più elevata rispetto all’ostilità nei confronti del gruppo (misurata senza riferimento esplicito alla religione o alle pratiche religiose). Rispetto ad altri anni, il valore dell'indice è diminuito.

Nel 2018 la quota di persone ostili ai Neri e alle Nere era pari all’11%. Questo tasso deve essere considerato con cautela, poiché i dati di questo gruppo non sono stati ancora oggetto di un’analisi approfondita, che sarà possibile effettuare solo dopo il conseguimento dei tre punti della serie.

Nel 2018 la quota di persone ostili agli ebrei e alle ebree era pari al 9%, cioè un punto percentuale in più rispetto al 2016.

Questi indici corrispondono ad un raggruppamento di varie affermazioni sui gruppi target. Questo approccio permette di raccogliere le opinioni sulla base di un gruppo di risposte e non di una risposta isolata. L’opinione, qualificata come ostile, razzista o antisemita, lo è solo se si misura una tendenza sulla base delle affermazioni presentate agli interrogati.

Informazioni supplementari

Tabelle

Fonti

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Demografia e migrazione
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/popolazione/migrazione-integrazione/convivenza-svizzera/atteggiamento-verso-gruppi-target.html