Press release

Evoluzione dei salari nel 2021 Contrazione dello 0,2% per i salari nominali e dello 0,8% per quelli reali nel 2021

01.06.2022 - Nel 2021 l’indice svizzero dei salari nominali è diminuito in media dello 0,2% rispetto al 2020, attestandosi a 99,8 punti (base 2020 = 100). Considerato il tasso d’inflazione annuo medio pari al +0,6%, secondo i calcoli dell’Ufficio federale di statistica (UST) i salari reali hanno registrato una contrazione dello 0,8% (99,2 punti, base 2020 = 100).

Nel 2021 i salari nominali sono diminuiti in media dello 0,2% rispetto al 2020 (+0,8% nel 2020, +0,9% nel 2019, +0,5% nel 2018 e +0,4% nel 2017). L’aumento dei salari effettivi (nominali) negoziato a titolo collettivo per il 2021 nell’ambito dei principali contratti collettivi di lavoro (CCL), cui è assoggettato quasi mezzo milione di dipendenti, è stato invece del +0,4%.

Il rincaro legato all’aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi e degli affitti ha portato alla fine del 2021 a un’inflazione del +0,6%. Il potere d’acquisto dei salari, risultato dell’adeguamento dei salari nominali all’inflazione, è quindi diminuito (–0,8%) dopo l’aumento segnato negli anni precedenti (+1,5% nel 2020 e +0,5% nel 2019). 

Calo nominale dello 0,5% nel settore secondario

I salari nominali sono diminuiti in media dello 0,5% nel settore industriale (+0,6% nel 2020, +0,9% nel 2019, +0,3% nel 2018, +0,4% nel 2017), ovvero in modo ancora più marcato di quanto registrato nell’economia nel suo complesso (–0.2%). I rami economici di questo settore hanno registrato una forte dispersione dell’evoluzione dei salari, compresa fra il –3,1 e il +2,1%. 

Gli aumenti nominali più sostenuti sono stati registrati nella riparazione e installazione (+2,1%) e nelle attività estrattive, nella fornitura di energia e acqua e nella gestione dei rifiuti (+0,5%). l rami economici nei quali è invece stata constatata una contrazione salariale sono quello della fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio insieme alla fabbricazione di prodotti chimici e a quella di prodotti farmaceutici (–3,1%), il ramo della fabbricazione di computer e prodotti di elettronica nonché quello dell'orologeria (–1,1%) e quello della fabbricazione di macchinari e mezzi di trasporto (–1,0%). Nel settore delle costruzioni i salari nominali sono invece rimasti stabili (+0,0%). 

Contrazione nominale dello 0,1% nel settore terziario

Rispetto al settore dell’industria, quello dei servizi ha registrato una contrazione dei salari nominali più moderata, cioè dello 0,1% (+0,9% nel 2020, +0,9% nel 2019, +0,5% nel 2018 e +0,4% nel 2017). Come nel settore secondario, anche nel terziario la dispersione dell’evoluzione dei salari è stata elevata: sei rami hanno segnato un aumento e nove una diminuzione dei salari. I rami dell’amministrazione pubblica (+2,1%), delle attività editoriali, di quelle audiovisive e delle telecomunicazioni (+0,7%), seguiti dalle attività amministrative e di servizi di supporto (+0,5%) hanno beneficiato di un aumento dei salari nominali. 

In relazione alla pandemia di COVID-19, il ramo del settore terziario che ha registrato il calo dei salari nominali maggiore (–3,3%) è stato quello delle attività artistiche, di intrattenimento e divertimento. Anche un ramo ad elevato valore aggiunto e con salari alti come quello delle attività informatiche e dei servizi d’informazione ha registrato un calo dei salari (–3,1%), dovuto principalmente all’assunzione di nuovo personale con meno anni di anzianità di servizio.

Calo dei salari reali dello 0,8%

Il potere di acquisto dei salari è sceso per la quindicesima volta dalla creazione dell’indice svizzero dei salari nel 1942. Nel 2021, l’inflazione del +0,6%, unita alla diminuzione dei salari nominali dello 0,2%, ha portato a una riduzione dei salari reali dello 0,8% (–1,1% nel settore secondario e –0,7% nel terziario). L’evoluzione dei salari reali nel 2021 si è situata all’interno dell’intervallo che intercorre tra il –3,9 e il +1,5%, sottolineando la diversità delle dinamiche salariali che caratterizzano ciascun ramo economico. Tenuto conto dell’inflazione e delle evoluzioni dei salari nominali, nel 2021 solo tre rami hanno segnato una progressione dei salari reali: amministrazione pubblica (+1,5%), altre attività manifatturiere, comprese la riparazione e l’installazione (+1,5%) nonché le attività editoriali, audiovisive, di trasmissione e di telecomunicazione (+0,1%). 

Aumento nominale dello 0,6% per le donne 

Nel 2021 i salari nominali delle donne nell’insieme dell’economia sono aumentati dello 0,6%. I salari che hanno segnato gli aumenti maggiori sono stati quelli delle donne attive nell’amministrazione pubblica (+3,7%) e nel ramo dei servizi amministrativi (+0,6%). L’evoluzione differenziata dei salari nominali degli uomini (–0,7%) e delle donne (+0,6) sta gradualmente riducendo il divario salariale medio tra uomini e donne.

Informazioni complementari, come tabelle e grafici, si trovano nel PDF seguente.


 

Download press release

Contrazione dello 0,2% per i salari nominali e dello 0,8% per quelli reali nel 2021
(PDF, 8 pages, 165 kB)


Other languages


Associated documents

Wage evolution in 2021: Swiss wage index


Tags

woman man

 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/en/home.assetdetail.22484187.html