Settore dei beni e servizi ambientali

Il conto del settore dei beni e servizi ambientali rileva l’importanza economica (in termini di produzione, valore aggiunto, occupati ed esportazioni) di tutte le attività economiche per la produzione di beni e servizi che favoriscono la protezione dell’ambiente o il mantenimento delle risorse naturali.

Informazioni supplementari

Tabelle

Dati

Comunicati stampa

Pubblicazioni

Metodologie

I dati sul settore ambientale provengono dai conti monetari dell’ambiente gestiti dall’Ufficio federale di statistica (UST).

metodi sono stati sviluppati dall’Ufficio statistico dell’Unione europea (EUROSTAT) basandosi sul System of Environmental and Economic Accounting (SEEA) dell’ONU.

Il settore ambientale (Environmental Goods and Services Sector – EGSS) non corrisponde a un’attività o a un settore economico della nomenclatura generale delle attività economiche (NOGA). Esso comprende infatti delle imprese appartenenti ad ogni tipo di branca le cui attività EGSS rappresentano generalmente solo una frazione delle attività totali.

Questo include le attività destinate a:

  • proteggere l’ambiente prevenendo, riducendo o eliminando l’inquinamento o qualsiasi altro degrado ambientale (p.es. la gestione dei rifiuti e la produzione di beni, attrezzature, infrastrutture e servizi correlati);
  • gestire le risorse naturali preservando, mantenendo o aumentando le riserve in modo da evitarne l’esaurimento (p.es. la produzione di energia rinnovabile e quella di beni, attrezzature, infrastrutture e servizi correlati).

La produzione di beni concepiti specificatamente per essere più puliti o a minor consumo di risorse rispetto ai beni di uso equivalente, come p.es. gli edifici certificati a basso consumo energetico, le apparecchiature ad elevata efficienza energetica e i prodotti provenienti dall’agricoltura biologica o dalla selvicoltura sostenibile, è presa in considerazione. Non rientrano nel settore ambientale propriamente detto:

  • i trasporti pubblici perché non sono considerati un’attività ambientale in sé, sebbene contribuiscano a proteggerlo e a preservare le risorse naturali qualora usati in sostituzione del traffico motorizzato privato;
  • la distribuzione e la commercializzazione di beni e servizi ambientali, perché in genere non sono attività concepite espressamente per proteggere l’ambiente e per tutelare le risorse naturali;
  • la realizzazione di prodotti a partire da materie prime secondarie (p.es. carta riciclata) perché non permette di ridurre il consumo di risorse naturali oltre alla riduzione derivata dal recupero di materiali dal processo di smaltimento dei rifiuti;
  • la produzione ecosostenibile di beni e servizi non ambientali (p.es. la produzione di pane usando energia elettrica verde o di farina biologica o di imballaggi biodegradabili);
  • le attività non ambientali in sé ma che sono legate all’ambiente o che usano l’ambiente nei processi di produzione (p.es. la produzione e l’erogazione di acqua potabile, l’estrazione di sabbia e ghiaia);
  • le attività che, pur avendo un impatto favorevole sull’ambiente, servono in primo luogo ad altri scopi che alla tutela ambientale (p.es. garantire o potenziare la sicurezza e la salute del personale sul posto di lavoro, proteggere le infrastrutture da rischi naturali e tecnologici, purificare l’acqua o l’aria per motivi tecnici nell’industria).

I risultati sono disponibili per il valore di produzione, il valore aggiunto lordo e il numero degli occupati. Le esportazioni saranno calcolate successivamente.

Link

Basi statistiche e rilevazioni

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Ambiente, sviluppo sostenibile, territorio
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera

Contatto

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/territorio-ambiente/contabilita-ambientale/beni-servizi-ambientali.html