Riforma dell’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS 21)

Risultati per regione linguistica e tipo d'insediamento

Risultati per cantoni, distretti e communi sotto forma di mappa

Riforma dell’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS 21) (Sì in%)
Città-campagna Svizzera tedesca Svizzera francese Svizzera italiana Svizzera
Urbano
Città nucleo 49.1 33.1 43.0 45.3
Altro spazio urbano 56.6 38.3 44.3 52.3
Intermedio 56.6 38.0 41.6 51.9
Rurale 56.0 37.0 43.2 50.8
Totale 55.1 37.2 43.2 50.5
La ripartizione dei Comuni qui utilizzata si basa sulla tipologia città/campagna dell’UST del 2012, che ha sostituito la definizione città/campagna dal 2000. Inoltre, nelle zone urbane le città nucleo vengono considerate separatamente, in quanto per esperienza spesso il comportamento in materia di voto presenta un netto distacco rispetto ai Comuni (urbani) rimanenti. I Comuni nella categoria «intermedia» presentano caratteristiche peculiari sia della città che della campagna.

Anche se la tipologia città/campagna del 2012 è in parte orientata a quella precedente, non è possibile confrontarle direttamente, né allestire serie temporali senza soluzione di continuità. Nel limite del possibile, i risultati delle votazioni comparative precedenti sono stati rappresentati per mezzo della nuova tipologia, tranne che per le votazioni antecedenti al 2010. La contrapposizione città/campagna va perciò interpretata con cautela.

Risultati provvisori

Fonte: UST/statistica delle votazioni

Oggetto

La stabilità finanziaria dell’AVS è in pericolo poiché le generazioni contraddistinte da una forte natalità raggiungono ora l’età di pensionamento. Nel contempo aumenta la speranza di vita media. Tra pochi anni le entrate dell’AVS non basteranno più per finanziare tutte le rendite.

La riforma Stabilizzazione dell’AVS (AVS 21) ha lo scopo di garantire il versamento delle rendite per i prossimi dieci anni circa. Prevede da un lato risparmi e dall’altro un aumento delle entrate.

La riforma dell’AVS comprende due oggetti in votazione. Il primo aumenta l’aliquota dell’IVA a favore dell’AVS. Questo aumento avviene mediante una modifica costituzionale che è obbligatoriamente sottoposta a votazione. Il secondo adegua le prestazioni dell’AVS. Contro questa modifica di legge è stato chiesto il referendum. I due atti normativi sono collegati: se uno di essi è respinto, l’intera riforma fallisce.

Adeguamento delle prestazioni AVS

Introduce l’età di pensionamento unica di 65 anni per uomini e donne. A tale scopo l’età di pensionamento delle donne sarà gradualmente portata da 64 a 65 anni. L’impatto di questo innalzamento è attenuato mediante misure compensative: se la riforma entrerà in vigore come previsto nel 2024, le donne nate tra il 1961 e il 1969 potranno andare in pensione anticipata a condizioni più favorevoli; se invece lavorano fino a 65 anni riceveranno un supplemento sulla rendita AVS.La riforma apporta inoltre maggiore flessibilità: sarà infatti possibile scegliere liberamente il momento del pensionamento tra i 63 e i 70 anni e ridurre progressivamente l’attività lucrativa riscuotendo rendite parziali.

Oggetti di precedenti votazioni inerente al medesimo tema

  • Riforma della previdenza per la vecchiaia (2017)
  • Iniziativa «AVSplus: per un'AVS forte» (2016)
  • 11a revisione dell'AVS (2004)
  • 10a revisione dell'AVS (1995)

Informazioni supplementari

Tabelle

Tabelle in francese

Carte

Basi statistiche e rilevazioni

Contatto

Ufficio federale di statistica Sezione Politica, cultura e media
Espace de l'Europe 10
CH-2010 Neuchâtel
Svizzera
Tel.
+41 58 463 61 58

Dal lunedì al venerdì
09.00-12.00 e 14.00-16.00

Contatto

Icon VoteInfo

L'app sulle votazioni della Confederazione e dei Cantoni:

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese.

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/politica/votazioni/anno-2022/2022-09-25/avs-21.html