Comunicato stampa

Statistica dei frontalieri nel quarto trimestre 2018 Lieve calo del numero di frontalieri nel quarto trimestre 2018

21.02.2019 - Tra il quarto trimestre 2017 e il quarto trimestre 2018 il numero dei frontalieri stranieri attivi in Svizzera è diminuito di 2000 persone (–0,6%). I frontalieri dall’Italia sono calati del 4,1%, dalla Germania del 2,4%, mentre i pendolari con un permesso per frontalieri provenienti dalla Francia sono aumentati dell’1,3%. Poco più della metà dei frontalieri veniva dalla Francia (55,0%), circa un quarto dall’Italia (22,4%) e un quinto dalla Germania (19,2%). In Ticino se ne osserva la quota (27,3%) più elevata rispetto al totale degli occupati. Questo è quanto emerge dai risultati della statistica dei frontalieri pubblicata a cadenza trimestrale dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Alla fine del 2018, in Svizzera si contavano in totale 314 000 frontalieri di nazionalità straniera, il 64,1% dei quali uomini e il 35,9% donne. Dalla fine del 2017 alla fine del 2018, il loro numero è calato dello 0,6%, ovvero di 2000 unità. Questo risultato conferma il leggero arretramento già osservato tra il terzo trimestre 2018 e il terzo trimestre 2017, che era il primo calo annuale da 20 anni.

Principali evoluzioni

L’andamento del numero di frontalieri non è stato uguale in tutte le Grandi Regioni. Tra i quarti trimestri 2017 e 2018 è diminuito in Ticino e nella Svizzera nordoccidentale (rispettivamente di –5,3% e –2,9%), mentre è aumentato nella Regione del Lemano e nell’Espace Mittelland (rispettivamente di +1,3% e +6,4%). Nello stesso periodo il numero di persone provenienti dalla Francia è parimenti aumentato (+1,3%), mentre dall’Italia e dalla Germania sono giunti meno frontalieri (rispettivamente –4,1% e –2,4%). Tra la fine del 2017 e la fine del 2018 il numero delle frontaliere è calato dello 0,9% e quello dei frontalieri dello 0,5%. Il numero di frontalieri è in calo in tutte le fasce di età, ad eccezione di quella di età compresa tra i 55 e i 64 anni (+3,1%). La flessione è netta tra i 15–24enni (–4,0%) e gli over 64 (–23,5%).

Aumento limitato negli ultimi cinque anni

Nonostante la diminuzione tra il 2017 e il 2018, negli ultimi cinque anni il numero di frontalieri è salito da 282 000 nel quarto trimestre 2013 a 314 000 nel quarto trimestre 2018, il che corrisponde a un incremento dell’11,3%, il più contenuto osservato sinora in un lasso di cinque anni. Nello stesso periodo, secondo i risultati della statistica delle persone occupate, il numero di occupati è passato da 4,792 milioni a 5,086 milioni (+6,1%).

Oltre la metà arriva dalla Francia

Alla fine del 2018, poco più della metà di tutti i frontalieri era domiciliata in Francia (55,0%), mentre il 22,4% e il 19,2% rispettivamente in Italia e in Germania. Una piccola quota di frontalieri risiedeva invece in Austria (2,6%) e nel Liechtenstein (0,2%). Bassa anche la quota di persone provenienti da Paesi non confinanti (0,6%), delle quali la maggior parte proveniva dalla Polonia (384), seguita dall’Ungheria (338), dalla Slovacchia (298), dal Regno Unito (157) e dal Belgio (144).

Quattro quinti attivi in tre Grandi Regioni

Alla fine del 2018, circa quattro quinti di tutti i frontalieri si concentravano in tre Grandi Regioni: oltre un terzo lavorava nella regione del Lemano (37,3%), un quarto nella Svizzera nordoccidentale (22,1%) e un quinto in Ticino (19,8%). E se nella Regione del Lemano il numero in termini assoluti è il più elevato (117 100), la situazione cambia quando si prendono in considerazione le loro rispettive quote rispetto al numero degli occupati. Mentre nella regione del Lemano (12,1%) e nella Svizzera nordoccidentale (10,3%) si sono osservate quote simili, in Ticino più di una persona occupata su quattro (27,3%) era frontaliere.

La quota di frontalieri più elevata nel settore secondario

Alla fine del 2018 la maggior parte dei frontalieri lavorava nel settore dei servizi (66,7%), il 32,7% nel secondario e lo 0,6% nel settore primario. I rami economici «Attività manifatturiere» (24,7%, settore secondario) e «commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli» (14,2%, settore terziario) raggruppavano, insieme, quasi il 40% di tutti i frontalieri.

Rispetto al totale degli occupati in Svizzera, la quota di frontalieri si attestava al 6,2%. Nel settore secondario, un occupato su dieci era frontaliere (9,7%), nel settore terziario una persona su venti (5,4%); nel settore primario tale quota era pari all’1,3%.

Informazioni complementari, come tabelle e grafici, si trovano nel PDF seguente.


 

Download comunicato stampa

Lieve calo del numero di frontalieri nel quarto trimestre 2018
(PDF, 7 pagine, 456 kB)


Altre lingue


Documenti analoghi

Statistica dei frontalieri nel quarto trimestre 2018


 

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/cataloghi-banche-dati/comunicati-stampa.assetdetail.7427558.html