Comunicato stampa

Veicoli stradali nel 2018 Nuovo calo delle immatricolazioni di veicoli nel 2018

31.1.2019 - Le nuove immatricolazioni di veicoli stradali a motore sono diminuite del 4,2%, ovvero di 17 400 unità rispetto al 2017, raggiungendo un totale di 395 400 nel 2018. Questa diminuzione concerne in particolare le automobili (–4,5%). Il parco veicoli totale (senza i rimorchi) ammonta a 6,1 milioni di unità, con una progressione di 60 500 o dell’1,0% rispetto al 2017, che però è meno forte di quella osservata tra il 2016 e il 2017 (+1,2%). Sono questi alcuni dati tratti dalla statistica dei veicoli stradali realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Nel 2018 vi sono state in totale 395 413 nuove immatricolazioni di veicoli stradali a motore, ovvero il 4,2% o 17 414 in meno rispetto al 2017. Si osserva una tendenza al ribasso sin dal 2016, tuttavia nel 2018 la diminuzione, appurata principalmente da settembre sino alla fine dell’anno, è stata più marcata. A contribuire alla contrazione è stata l’introduzione dello standard WLTP (v. nota in calce) per le nuove immatricolazioni dal momento che alcuni costruttori di automobili avevano accumulato ritardi nel rendere conformi tutti i loro modelli.

La diminuzione maggiore si attesta per i veicoli agricoli (–11,4% nel giro di un anno). Nel 2018 il numero delle loro nuove immatricolazioni (2930) è stato per la prima volta inferiore alla soglia delle 3000 unità. Sono calate anche le nuove immatricolazioni di motoveicoli (–7,2%), segnando il numero più basso dal 2010 (43 855 unità).

Per quanto concerne le automobili, che costituiscono il gruppo di veicoli a motore principale, nel 2018 si sono annoverate 300 887 nuove immatricolazioni, ovvero il 4,5% (14 145 unità) in meno rispetto al 2017. La diminuzione di nuove immatricolazioni è stata particolarmente forte per i modelli diesel (–20,6%). Sono invece aumentate quelle delle automobili a benzina (+2,8%), di quelle ibride (+30,3%) e di quelle elettriche (+9,8%). Questi ultimi due tipi di veicoli, benché gradualmente guadagnino terreno, sono ancora poco diffusi in Svizzera (v. di seguito). Perdurano anche le altre tendenze al rialzo osservate negli ultimi anni, ovvero le nuove immatricolazioni di automobili a trazioni integrale (4x4), con il cambio automatico e di modelli break.

Ulteriore progressione del parco veicoli stradali a motore

Nonostante il numero calante di nuove immatricolazioni, nel 2018 il parco veicoli stradali a motore ha continuato a progredire (+1,0% rispetto al 2017), il che significa che le nuove immatricolazioni sono sempre superiori al numero di veicoli messi fuori circolazione. Alla fine del 2018 si annoveravano 6,1 milioni di veicoli (giorno di riferimento: 30 settembre, ciclomotori esclusi). Si tratta per i tre quarti di automobili, il cui numero è progredito dello 0,7%, raggiungendo un totale di 4 602 688 unità.

Sempre più automobili ibride ed elettriche sulle strade svizzere

I modelli diesel guadagnano ancora terreno: sono passati da una quota del 29,5% nel 2017 al 29,9% nel 2018 nonostante il forte calo delle nuove immatricolazioni. Nel medesimo arco di tempo la quota di automobili a benzina è leggermente diminuita, dal 68,4 al 67,7%. Le quote di automobili ibride ed elettriche sono passate, rispettivamente, dall’1,5 all’1,7% e dallo 0,3 allo 0,4%. Benché deboli, le proporzioni di queste due categorie sono di nuovo progredite fortemente nel giro di un anno. Nel 2018 il parco veicoli ibridi è cresciuto del 17,8% a 79 737 unità e quello dei veicoli elettrici del 31,9%, raggiungendo le 19 181 unità.

Tasso di motorizzazione stabile da due anni

Nel 2018 il tasso di motorizzazione si è attestato a 543 veicoli ogni 1000 abitanti, un valore stabile dal 2016, mentre nel 1990 si situava a 439 veicoli ogni 1000 abitanti. A titolo di paragone, secondo EUROSTAT nel 2016 la Francia, la Germania e l’Italia presentavano tassi di motorizzazione di rispettivamente 479, 555 e 625 veicoli ogni 1000 abitanti.

Il tasso di motorizzazione differisce a seconda del Cantone. I Cantoni urbani per eccellenza, come Basilea Città, Ginevra e Zurigo, si sono caratterizzati per i tassi più bassi, con rispettivamente 341, 445 e 492 veicoli ogni 1000 abitanti nel 2018. Zugo (678), Svitto (645), il Vallese (645) e il Ticino (635), al contrario, hanno presentato i tassi più elevati. I valori meno elevati dei Cantoni urbani possono essere spiegati in particolare dalla prossimità, da una maggiore offerta e dalla densità della rete di trasporti pubblici.

Informazioni complementari, come tabelle, si trovano nel PDF seguente.


 

Download comunicato stampa

Nuovo calo delle immatricolazioni di veicoli nel 2018
(PDF, 4 pagine, 223 kB)


Altre lingue


Documenti analoghi

Veicoli stradali: parco e nuove immatricolazioni nel 2018


 

Nota

Le pagine in italiano offrono un contenuto ridotto. Per un'informazione più completa si prega di consultare le pagine in tedesco o francese (cfr. link qui sopra).

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home/statistiche/cataloghi-banche-dati/comunicati-stampa.assetdetail.7246439.html