Comunicato stampa

Evoluzione e movimento naturale della popolazione nel 2022: risultati provvisori Nel 2022 più decessi e matrimoni in una popolazione in aumento

Esiste anche una versione più recente del presente documento, disponibile al link seguente:
In Svizzera crescita demografica sostenuta nel 2023

04.04.2023 - Nel 2022 la popolazione residente permanente in Svizzera è aumentata. Al 31 dicembre aveva superato gli 8,8 milioni di abitanti. Hanno segnato una progressione anche il numero di decessi e quello di matrimoni, mentre sono diminuite le nascite e i divorzi. La speranza di vita è rimasta stabile per gli uomini ed è leggermente diminuita per le donne. Le immigrazioni, le emigrazioni e il saldo migratorio sono in aumento. Questi sono alcuni dei risultati annuali provvisori per il 2022 della statistica della popolazione e delle economie domestiche e di quella del movimento naturale della popolazione realizzate dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Il 31 dicembre 2022 la popolazione residente permanente della Svizzera ammontava a 8 812 700 persone, contro le 8 738 800 della fine del 2021 (+73 900 persone, +0,8%). L’incremento demografico è analogo a quello registrato nel 2021. 

La popolazione è aumentata in tutti i Cantoni. La variazione più marcata è quella osservata nei Cantoni di Sciaffusa e Friburgo (in entrambi i casi +1,4%), mentre quella meno forte è stata quella del Cantone del Giura (+0,1%).

Il numero di decessi rimane alto, quello delle nascite è in calo

Nel 2022 in Svizzera sono decedute 74 300 persone, ovvero 3100 in più (+4,4%) rispetto al 2021 e 1900 in meno rispetto al 2020, anno caratterizzato dall’inizio della pandemia di COVID-19. Questo elevato numero di decessi è in parte dovuto all’invecchiamento della popolazione: l’88% dei decessi ha riguardato persone di oltre 64 anni. 

Sono stati osservati picchi di decessi a marzo, luglio, ottobre e dicembre 2022. Rispetto agli stessi mesi del 2021, i casi supplementari sono stati circa 1200 a marzo, oltre 1000 a luglio e quasi 500 a ottobre. Nel mese di dicembre 2022, il numero di decessi è risultato meno elevato di quello di dicembre 2021 e 2020. Questo picco è comunque quello più marcato rilevato nel 2022. I casi di decessi potrebbero essere collegati alle ondate di influenza e di canicola del 2022. I decessi sono aumentati nella maggior parte dei Cantoni. Costituiscono un’eccezione Uri, Svitto, San Gallo, Giura, Zugo e Glarona, dove i casi sono invece diminuiti. 

Nel 2022 la Svizzera ha registrato 82 000 nati vivi, ovvero 7600 in meno (–8,5%) rispetto al 2021. Il contrasto con il 2021 è relativamente marcato, perché in tale anno era stato contato un numero particolarmente elevato di nascite. Dal confronto con il 2020 risulta invece una variazione meno netta: nel 2022 le nascite sono state 3900 in meno (–4,5%). Se si considera il numero di nascite rispetto alla popolazione, la natalità ha raggiunto un livello storicamente basso (9,3 nascite ogni 1000 abitanti). Le nascite sono diminuite praticamente in tutti i Cantoni; l’unica eccezione è Nidvaldo. Nel 2022 il numero medio di figli per donna si è provvisoriamente attestato a 1,38, contro 1,52 nel 2021 (1,46 nel 2020).

Poiché il numero di nascite era basso e quello di decessi si trovava ancora a un livello elevato, nel 2022 l’incremento naturale (differenza tra nascite e decessi) si è attestato a 7750 persone. La maggior parte dei Cantoni presentava un saldo naturale negativo, il che significa che il numero di decessi ha superato quello di nascite. È il caso di 14 Cantoni: Uri, Glarona, i due Semicantoni di Appenzello, Vallese, Soletta, Neuchâtel, Sciaffusa, Giura, i due Semicantoni di Basilea, Grigioni, Berna e Ticino.

Speranza di vita stabile per gli uomini, in calo per le donne

Per gli uomini, la speranza di vita alla nascita si è provvisoriamente attestata a 81,6 anni, come nel 2021. Per le donne è invece diminuita, passando da 85,7 anni nel 2021 a 85,4 anni nel 2022. Si osserva un andamento simile anche per la speranza di vita a 65 anni. Quella per gli uomini è risultata pari a 19,9 anni, come nel 2021. Quella per le donne è invece diminuita di 0,2 anni, passando da 22,7 anni nel 2021 a 22,5 anni nel 2022.

Matrimoni in voga, divorzi in calo

Nel 2022 sono state celebrate 40 700 unioni, ovvero 4300 in più (+11,7%) rispetto al 2021. A questo aumento hanno contribuito i 1300 matrimoni tra persone di sesso diverso in più del 2021, come pure circa 700 matrimoni tra persone dello stesso sesso e 2200 conversioni di unioni domestiche registrate in matrimoni. 

La progressione dei matrimoni tra persone di sesso diverso non è stata osservata in tutti i Cantoni: Turgovia, Uri, Zurigo, Basilea Città, Obvaldo e i due Semicantoni di Appenzello hanno presentato un calo di questo tipo di matrimoni. Ad eccezione dei due Semicantoni di Appenzello, il calo è stato compensato dalle nuove registrazioni presso l’ufficio di stato civile, ovvero i matrimoni tra persone dello stesso sesso e le conversioni di unioni domestiche registrate in matrimoni.

Nel 2022 sono stati pronunciati 16 100 divorzi tra persone di sesso diverso, che corrispondono a un calo del 6,3% rispetto all’anno precedente. Se il comportamento della popolazione osservato nel 2022 dovesse confermarsi anche in futuro, secondo una stima provvisoria due matrimoni su cinque (39,4%) potrebbero concludersi con un divorzio. Il numero di divorzi non è diminuito in tutti i Cantoni: Basilea Città, Vaud, Grigioni, Appenzello Esterno, Nidvaldo e Glarona ne hanno registrato un aumento rispetto al 2021.

Evoluzione più marcata delle immigrazioni 

Dopo un rallentamento durante gli anni pandemici, nel 2022 l’immigrazione ha ripreso la sua crescita. Alla fine dell’anno le immigrazioni contabilizzate erano 190 500, contando sia quelle delle persone svizzere (21 900) che quelle delle persone straniere (168 500). La progressione rispetto al 2021 è stata del 15,0%. Sono in aumento anche le emigrazioni: se ne sono registrate 120 400 (di cui 31 300 di persone svizzere e 89 100 di persone straniere), ovvero il 3,1% in più rispetto all’anno precedente. Di conseguenza è aumentato anche il saldo migratorio, passato da 48 900 nel 2021 a 70 100 nel 2022 (+43,5%). Quest’ultimo è l’elemento principale che spiega la crescita demografica osservata tra il 2021 e il 2022.

Nel 2022 l’immigrazione di persone di nazionalità svizzera nel nostro Paese è stata minore rispetto al 2021 (–0,9%), mentre l’emigrazione è stata maggiore (+8,9%). Tra le persone di nazionalità straniera, sia le immigrazioni che le emigrazioni sono aumentate rispetto all’anno precedente. Le immigrazioni hanno però registrato un aumento più netto di quello delle emigrazioni (risp. del 17,4 e dell’1,2%). L’immigrazione è riconducibile perlopiù ai cittadini dei Paesi limitrofi. Come gli anni precedenti, le nazionalità più rappresentate tra le persone immigrate nel 2022 sono quella tedesca, quella italiana e quella francese.

Informazioni complementari si trovano nel PDF seguente.


 

Download comunicato stampa

Nel 2022 più decessi e matrimoni in una popolazione in aumento
(PDF, 9 pagine, 244 kB)


Altre lingue


Documenti analoghi

Evoluzione demografica e movimento naturale della popolazione nel 2022: risultati provvisori


Tags

donna uomo coppia

 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home.assetdetail.24310454.html