Comunicato stampa

Elezioni federali 2019: analisi della forza dei partiti e dei mandati Elezioni federali: i Verdi siglano la maggiore progressione di mandati mai registrata da un partito dall'introduzione del proporzionale

29.11.2019 - Con le elezioni federali del 20 ottobre 2019, il Partito ecologista svizzero (PES) ha potenziato la sua forza elettorale di 6,1 punti percentuali, arrivando al 13,2% e il Partito dei verdi liberali (PVL) di 3,2 punti (7,8%), passando da 7 a 16 seggi. Con 17 seggi supplementari, i Verdi diventano il quarto partito in Consiglio nazionale. Secondo l’analisi dei risultati definitivi dettagliati delle elezioni messa a disposizione dall’Ufficio federale di statistica (UST), si tratta del maggiore aumento di mandati di un partito mai osservato dall’introduzione del sistema proporzionale nel 1919.

Il grande perdente delle elezioni al Consiglio federale del 2019 è stata l’Unione democratica di centro (UDC), che aveva nettamente vinto le elezioni del Consiglio nazionale del 2015. Il partito ha perso 3,8 punti percentuali dei voti e 12 seggi. Tuttavia, rappresenta ancora il 25,6% dei suffragi espressi e rimane di gran lunga il partito più forte in seno al Consiglio nazionale.

Partiti del Consiglio federale indeboliti

Oltre all’UDC, anche gli altri tre partiti rappresentati in Consiglio federale hanno perso forza elettorale e mandati. Il Partito socialista (PS) ha perso 2,0 punti percentuali e rappresenta quindi il 16,8% dei voti, i Liberali radicali (PLR) 1,3 punti (15,1%) e il Partito popolare democratico (PPD) 0,3 punti (11,4%). In termini assoluti, sono i peggiori risultati della storia di questi tre partiti. Il PS e il PLR hanno perso quattro mandati ciascuno (raggiungendo rispettivamente 39 e 29 mandati) e il PPD due (25 mandati).

I quattro partiti rappresentati in Consiglio federale condividono un totale di 146 mandati, per una forza elettorale del 68,9%. Si tratta di un ritorno alla stessa forza di quella che ha prevalso dopo le elezioni del 1991, quando i partiti di governo rappresentavano il 69,4% dell’elettorato e 145 mandati.

Impennata dei partiti ambientalisti

Con il 13,2%, i Verdi hanno ottenuto il loro miglior risultato elettorale nazionale, scalzando quello del 9,6% (secondo migliore) nel 2007 e aumentando di 6,1 punti percentuali la forza del partito rispetto alle elezioni del 2015. Un aumento superato solo da quello di 7,6 punti percentuali (15 mandati supplementari) dell’UDC tra il 1995 e il 1999.
Anche il PVL ha ottenuto i migliori risultati elettorali della storia (7,8%) nelle ultime elezioni del Consiglio nazionale. Rispetto alle elezioni del 2015, la forza del partito è cresciuta di 3,2 punti percentuali.

Risultati definitivi

Queste informazioni nonché molti altri risultati sono contenuti nella pubblicazione sulle elezioni del Consiglio nazionale del 2019 che, tra l’altro, descrive i risultati elettorali dei partiti per il periodo dal 1971 al 2019, analizzandoli e differenziandoli per Cantone e regione linguistica. Tutti i risultati definitivi sono disponibili in formato digitale sul nostro portale politico. Contiene una grande quan-tità di dati statistici sulla forza dei partiti e sui mandati sotto forma di carte, tabelle, dati e grafici da scaricare.

Informazioni complementari si trovano nel PDF seguente.


 

Download comunicato stampa

Elezioni federali: i Verdi siglano la maggiore progressione di mandati mai registrata da un partito dall'introduzione del proporzionale
(PDF, 3 pagine, 428 kB)


Altre lingue


Documenti analoghi

Elezioni federali 2019: analisi della forza dei partiti e dei mandati


 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home.assetdetail.10967426.html