Comunicato stampa

Demografia delle imprese 2013-2017 Nel 2017 il 7,1% delle imprese attive in Svizzera erano nuove

28.11.2019 - Nel 2017, 555 626 imprese hanno esercitato un’attività economica commerciale in Svizzera. Tra queste, 39 303 (il 7,1% del totale) sono state create «ex nihilo» nell’arco di questo anno. Le nuove società devono lottare per sopravvivere. Più di quattro imprese su cinque create nel 2016 erano ancora attive dopo un anno, mentre il tasso di sopravvivenza delle nuove imprese create nel 2013 è sceso al 54,6% dopo 4 anni. È quanto emerge dagli ultimi risultati della statistica demografica delle imprese (UDEMO) pubblicati dall’Ufficio federale di statistica (UST).

La demografia delle imprese presenta dati sulla popolazione delle imprese attive, sulle nuove imprese e sulla relativa sopravvivenza, sulle chiusure di imprese e sulle imprese a forte crescita. Una pubblicazione tematica che analizza nel dettaglio questi differenti elementi è disponibile a questo indirizzo: www.bfs.admin.ch/news/it/2019-0457

In testa il ramo dell’istruzione e quello dei servizi d'informazione e comunicazione

Nel 2017 i rami «istruzione» e «servizi d’informazione e comunicazione» hanno registrato i tassi più elevati di creazione di nuove imprese. In questi ultimi due ambiti, quasi un’impresa attiva su dieci è stata creata durante questo stesso anno (9,7%). Anche i rami delle «attività artistiche, di intrattenimento e divertimento» e delle «attività finanziarie, assicurazioni» sono stati dinamici, registrando tassi di creazione rispettivamente dell’8,9% e dell’8,7%. Il tasso più basso è quello del ramo «alberghi e ristoranti», dove solo nel 3,7% dei casi si riscontrano imprese attive nuove. Questa classifica è molto simile a quella degli anni precedenti.

Oltre 4 imprese su 5 sopravvivono al primo anno

Stando ai dati sulla sopravvivenza delle imprese create «ex nihilo» nel 2016, più dell’80% era attivo un anno dopo la sua creazione. Dopo, però, il numero di imprese «superstiti» diminuisce gradualmente. Il tasso di sopravvivenza dopo due anni dalla creazione delle nuove imprese create nel 2015 era pari al 70,8% e quello dopo tre anni (delle nuove imprese create nel 2014) era del 59,3%. Per le nuove imprese create nel 2013, il tasso di sopravvivenza scende ulteriormente al 54,6% dopo quattro anni.

Il tasso di sopravvivenza delle imprese varia notevolmente in funzione della loro attività economica. Per tutte le coorti di nuove imprese considerate, a presentare i tassi di sopravvivenza più alti è il ramo «sanità e servizi sociali». Questo ramo presenta sistematicamente valori ben al di sopra del livello nazionale. Ad esempio, oltre due terzi delle imprese create nel 2013 erano ancora attive nel 2017.

Imprese molto piccole: dinamiche, ma anche più vulnerabili

L’economia svizzera è caratterizzata da una forte presenza di unità molto piccole. Più della metà delle imprese attive nel 2017 (53,5%) contava un solo addetto, mentre la quota di quelle con almeno cinque persone occupate era pari soltanto al 22,1%. Se si considera la creazione di imprese, le unità più piccole sono particolarmente dinamiche. Le classi «1 addetto» e «2 a 4 addetti» presentano rispettivamente un tasso di creazione del 10,9% e del 4,5%. Per le imprese più grandi, i valori non superano la soglia dell’1,0%.

Al contempo, le imprese con un solo impiego hanno meno probabilità di sopravvivere a lungo termine. I tassi di sopravvivenza sono significativamente inferiori a quelli delle altre classi. Questa vulnerabilità della classe «1 addetto» è confermata dai risultati della statistica sulle chiusure definitive di imprese che, a differenza di quella sui tassi di sopravvivenza, non considera solo le nuove creazioni, ma tutte le imprese. Infatti, l’83,4% delle 35 484 imprese che hanno definitivamente cessato l’esercizio della loro attività nel 2015 erano imprese con un solo addetto.

Imprese a forte crescita: in testa il Ticino e la Regione del Lemano

Nel 2017 si contavano in Svizzera 4186 imprese a forte crescita, il che corrisponde al 6,9% di tutte le imprese attive con almeno 10 posti di lavoro. Le Grandi Regioni del Ticino (7,8%), della Regione del Lemano (7,8%) e di Zurigo (7,6%) hanno registrato un tasso di imprese a forte crescita superiore al valore nazionale. Il valore più basso è stato osservato nella Svizzera orientale (6,1%). All’interno di ogni Grande Regione, si riscontrano Cantoni con tassi elevati e altri con tassi più bassi.

Informazioni complementari, come tabelle e grafici, si trovano nel PDF seguente.


 

Download comunicato stampa

Nel 2017 il 7,1% delle imprese attive in Svizzera erano nuove
(PDF, 6 pagine, 184 kB)


Altre lingue


Documenti analoghi

Demografia delle imprese 2013-2017


 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/it/home.assetdetail.10687741.html