Communiqué de presse

Indagine sui redditi e sulle condizioni di vita 2020 Condizioni di vita in Svizzera tra le più favorevoli d'Europa

17.02.2022 - Rispetto al resto dell’Europa, il tenore di vita generale e la soddisfazione per la propria vita in Svizzera si mantengono a livelli molto alti. Pur tuttavia, nel 2020 l’8,5% della popolazione, ossia circa 720 000 persone, era colpito da povertà reddituale. Sono alcuni risultati che emergono dall’indagine 2020 sui redditi e sulle condizioni di vita (SILC) dell’Ufficio federale di statistica (UST). I risultati raffigurano la situazione del periodo prima e iniziale della pandemia di COVID-19.

Il tenore di vita generale è misurato in base alla mediana del reddito disponibile equivalente, corretta per tener conto delle differenze del livello dei prezzi tra i Paesi. In Svizzera tale reddito era 2,6 volte superiore a quello greco, 1,4 volte superiore a quello francese, 1,2 volte superiore a quello tedesco e 1,1 volte superiore a quello austriaco. Ne consegue che, nonostante l’alto livello dei prezzi in Svizzera, il tenore di vita della popolazione è superiore rispetto ai Paesi vicini e alla maggior parte dei Paesi dell’UE.

Sempre grande soddisfazione per la propria vita attuale 

In Svizzera è elevata anche la soddisfazione per la propria vita. Nella prima metà del 2020, il 40,4% della popolazione dai 16 anni in su si è dichiarato molto soddisfatto della propria vita in quel momento (contro il 39% nel 2014). Nell’ultima rilevazione europea risalente al 2018, solo in Irlanda, Danimarca, Finlandia, Austria e Norvegia questa quota ha raggiunto un livello alto come in Svizzera. Stando alle prime valutazioni sperimentali, nel corso della pandemia la soddisfazione per la propria vita è però leggermente diminuita: nella prima metà del 2021 solo il 36,6% della popolazione in Svizzera era molto soddisfatto della propria vita attuale.

Tasso di povertà stabile a un livello alto

Nel 2020 (reddito del 2019), in Svizzera l’8,5% della popolazione era colpito da povertà reddituale. Il tasso di povertà era alto quasi come l’anno precedente (8,7%). Anche il tasso di povertà della popolazione occupata si è mantenuto stabile al 4,2%. Nonostante l’esercizio di un’attività lavorativa, circa 158 000 persone non hanno percepito un reddito superiore alla soglia di povertà. La soglia di povertà è calcolata sulla base delle direttive della Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (COSAS) e ammontava mediamente a 2279 franchi al mese per una persona che viveva sola e a 3963 franchi per due adulti con due bambini.

Come negli anni precedenti, le persone più frequentemente colpite da povertà reddituale e da difficoltà finanziarie sono quelle straniere, quelle che vivono in economie domestiche monoparentali, quelle senza formazione postobbligatoria e quelle che vivono in economie domestiche che non partecipano al mercato del lavoro.

Informazioni complementari si trovano nel PDF seguente.


 

Télécharger communiqué de presse

Condizioni di vita in Svizzera tra le più favorevoli d'Europa
(PDF, 5 pages, 177 kB)


Autres langues


Documents associés

Revenus, pauvreté et conditions de vie en 2020


 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/fr/home/statistiques/situation-economique-sociale-population.assetdetail.20884336.html