Medienmitteilung

Analisi longitudinali nel campo della formazione (LABB) La pandemia non frena l'aumento del numero di nuovi studenti internazionali nelle scuole universitarie svizzere

11.01.2022 - Grazie al buon nome del suo sistema di formazione, ogni anno la Svizzera accoglie un numero sempre maggiore di studenti internazionali nelle scuole universitarie. Nel 2020, malgrado la crisi legata alla pandemia di COVID-19 e il suo impatto sulla mobilità, il numero di nuovi studenti internazionali ha continuato ad aumentare (+4% rispetto al 2019). Dalle prime stime per il 2021 emergono tendenze simili al 2020. È quanto riporta una nuova pubblicazione dell’Ufficio federale di statistica (UST).

All’inizio dell’anno accademico 2020 si sono iscritti in una scuola universitaria 12 300 nuovi studenti internazionali, 9000 dei quali in un’università (UNI), 3000 in una scuola universitaria professionale (SUP) e 300 in un’alta scuola pedagogica (ASP). Benché il loro numero sia in continuo aumento (+13% tra il 2017 e il 2020, +4% tra il 2019 e il 2020), la loro quota rispetto ai nuovi studenti in generale rimane relativamente stabile: per il bachelor la loro percentuale sul totale si attesta al 15% (UNI) e al 10% (SUP e ASP), per il master tra il 19% (UNI) e il 21% (SUP e ASP), e circa al 49% per il dottorato. Nel 2020, nonostante la pandemia e l’introduzione dell’insegnamento a distanza, gli studenti internazionali hanno continuato a venire in Svizzera per gli studi.

La maggior parte degli studenti arrivano all’inizio dell’anno accademico 

Circa il 75% dei nuovi studenti internazionali che si stabiliscono in Svizzera per seguire un corso di bachelor o master vi giungono all’inizio dell’anno accademico, ovvero tra agosto e settembre. Quelli che lo fanno per studiare nelle SUP e nelle ASP sono di meno, ovvero il 50%. La percentuale dei nuovi studenti internazionali delle UNI che risiedono in Svizzera già da vari anni, invece, si attesta al 7% e al 15% per quelli delle SUP e delle ASP. Il «reclutamento» di nuovi studenti internazionali avviene quindi anche localmente, tra le persone residenti che desiderano iniziare gli studi e abitano già in Svizzera da diversi anni.

Motivazioni diverse a seconda che si tratti di uomini o donne

Oltre i tre quarti degli studenti internazionali arrivano in Svizzera per ragioni di studio, il 10% per svolgere un’attività lucrativa e il 7% per ragioni di ricongiungimento familiare. In altre parole, oltre uno studente internazionale su sei prima del proprio arrivo in Svizzera non prevedeva di iniziarvi degli studi. Ciò riguarda prevalentemente le donne, poiché sono loro più degli uomini ad arrivare in Svizzera per ragioni di ricongiungimento familiare (il 10% contro il 3%) o nell’ambito di un’attività lucrativa (il 12% contro l’8%).

Pandemia: ripercussioni minime sull’arrivo di studenti internazionali nel 2021

Durante il 2020 la pandemia ha avuto in generale pochi effetti sull’arrivo di studenti internazionali. Tuttavia, qualche effetto è visibile puntualmente tra i cittadini originari di Paesi extraeuropei, il cui numero in alcune scuole superiori è leggermente diminuito. Diminuzione però spesso compensata dal numero di studenti provenienti da Paesi vicini. I dati riguardanti la migrazione fino alla fine di settembre 2021 lasciano intendere che in generale il numero di nuovi studenti internazionali del 2021 è simile a quello del 2020. 

Informazioni complementari, per esempio come grafici, si trovano nel PDF seguente.


 

Download Medienmitteilung

La pandemia non frena l'aumento del numero di nuovi studenti internazionali nelle scuole universitarie svizzere
(PDF, 5 Seiten, 351 kB)


Weitere Sprachen


Verwandte Dokumente

Die Ankunft von internationalen Studierenden an Schweizer Hochschulen


 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/de/home/aktuell/neue-veroeffentlichungen.assetdetail.18584475.html