Press release

Ricerca e sviluppo (R+S) nelle imprese private nel 2021 Nel 2021 in Svizzera le imprese hanno investito quasi 17 miliardi di franchi nella ricerca

19.12.2022 - Nel 2021 in Svizzera le imprese private hanno speso 16,8 miliardi di franchi in attività di ricerca e sviluppo (R+S) intra-muros, il che corrisponde a un aumento annuo del 4% dal 2019, anno della rilevazione precedente. Con un totale di 6,2 miliardi di franchi, il settore farmaceutico è quello che ha investito di più in tale ambito. Le persone coinvolte in attività di R+S sono state poco meno di 62 000, un quarto delle quali donne. Sono questi i principali risultati emersi dalla rilevazione realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST) in collaborazione con economiesuisse.

In Svizzera, le imprese private investono sempre di più nelle attività di R+S. Vi hanno infatti destinato 16,8 miliardi di franchi nel 2021, il che corrisponde a un aumento di 1,3 miliardi di franchi rispetto al 2019, ovvero a una crescita annua media del 4%. Tenendo conto delle particolari condizioni economiche del 2020 e del 2021 dovute alla pandemia di COVID-19, l’aumento delle risorse investite dalle imprese è da considerarsi davvero cospicuo. Questo sviluppo è in linea con la tendenza al rialzo che si osserva da diversi anni in Svizzera.

Industria farmaceutica capofila in fatto di R+S

Con una spesa di 6,2 miliardi di franchi, ovvero il 37% del totale delle spese per le attività di R+S, l’industria farmaceutica continua a prevalere nel panorama svizzero della ricerca aziendale. Il ramo di attività «Ricerca e sviluppo», che riunisce le istituzioni specializzate nella ricerca, è in seconda posizione con 2,2 miliardi di franchi investiti, ovvero il 13% del totale delle spese. Sul terzo gradino del podio troviamo poi il ramo «Macchinari» con un totale di 1,5 miliardi di franchi.

In termini di andamento, solo i rami «Farmacia», «Ricerca e sviluppo» e quelli del settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) hanno assistito a un aumento delle spese di R+S tra il 2019 e il 2021. Questi rami sembrano aver subito meno le fluttuazioni congiunturali dovute alla pandemia di COVID-19 rispetto agli altri rami economici.

Forte calo delle spese per la ricerca fondamentale

Mentre dal 2015 la ricerca fondamentale rappresentava circa un quarto delle attività di ricerca effettuate dalle imprese, la sua quota relativa è scesa all’8% nel 2021. La ragione di questo crollo netto deriva essenzialmente dal cambiamento del tipo di ricerca operata all’interno delle imprese farmaceutiche. Sebbene nel ciclo di vita delle attività di ricerca sia normale che la ricerca fondamentale passi al livello della ricerca applicata, la portata di questa variazione è sorprendente visto che è avvenuta in un periodo così breve. La quota relativa della ricerca fondamentale è ritornata quindi a livelli simili a quelli osservati nel 2012.

Biotecnologia ancora in crescita

Dal 2012 le spese per le biotecnologie non hanno mai smesso di aumentare. Nel 2021 le imprese hanno destinato 5,9 miliardi di franchi a questo ambito, ovvero il 35% delle spese totali di R+S. Rispetto al 2019 tale quota è aumentata del 10% su base annua. Al contrario, nello stesso periodo le somme investite nelle nanotecnologie hanno ristagnato e sono rimaste marginali: nel 2021 sono stati destinati a tale scopo solo 172 milioni di franchi.

Rallentamento degli acquisti di attività di R+S all’estero

Nel 2021 gli importi investiti dalle imprese nell’acquisto di attività di R+S all’estero sotto forma di mandati di ricerca hanno registrato una leggera diminuzione. Sono stati di 6,3 miliardi di franchi nel 2021, contro i 6,4 e i 6,8 miliardi spesi rispettivamente nel 2019 e nel 2017. Dopo la forte crescita osservata tra il 2012 e il 2017, la tendenza attuale sembra indicare che le imprese trovino in Svizzera i mezzi per soddisfare le loro esigenze in fatto di R+S.

Aumento del personale di R+S

Nel corso del 2021, le imprese hanno impiegato nelle attività di R+S quasi 62 000 persone. Tale numero è aumentato in media del 2% all’anno dal 2019 e corrisponde a poco più di 54 000 impieghi in equivalenti a tempo pieno. I tre rami che impiegavano più personale di ricerca erano «Farmacia» (20%), «Macchinari» (15%) e «Ricerca e sviluppo» (13%).

Un quarto del personale di ricerca era di sesso femminile. Sebbene questa quota ristagni da una decina di anni, nello stesso lasso di tempo la natura del ruolo delle donne nella ricerca nel settore privato è cambiato. Mentre nel 2012 solo un terzo di loro erano ricercatrici, nel 2021 ad esercitare tale attività era il 54% delle donne.

Informazioni complementari, come tabelle e grafici, si trovano nel PDF seguente.


 

Download press release

Nel 2021 in Svizzera le imprese hanno investito quasi 17 miliardi di franchi nella ricerca
(PDF, 5 pages, 338 kB)


Other languages


Associated documents

Press conference - Research and Development (RD) in the Business Enterprise Sector in 2021


 

https://www.bfs.admin.ch/content/bfs/en/home/statistiken/kataloge-datenbanken.assetdetail.23625272.html