Stampa la pagina | Chiudere la finestra
Statistica svizzera

Basi statistiche e panoramica – Numero d’identificazione delle imprese (IDI)L'IDI

Obiettivi

Da gennaio 2011, a ogni impresa in senso lato che opera in Svizzera è attribuito un numero unico d’identificazione delle imprese (IDI). L’obiettivo è di ridurre, con il tempo, la miriade di identificatori distinti utilizzati dall’amministrazione (p. es. il numero del registro di commercio o il numero IVA) per far spazio a un identificatore unico. Gli scambi di informazioni tra le amministrazioni, tra le imprese e l’amministrazione nonché tra le imprese stesse risulteranno così facilitati. Inoltre siccome l’aggiornamento dei dati avverrà in un unico registro di riferimento, l’onere amministrativo legato all’aggiornamento dei dati sarà notevolmente ridotto.

 

Struttura dell'IDI

L’IDI, costituito da nove cifre, è generato casualmente e non contiene alcuna informazione significativa (codice numerico non parlante). L’origine svizzera del numero è indicata dal prefisso «CHE», corrispondente al codice alpha-3 della norma ISO 3166-1. L’ultimo carattere corrisponde alla cifra di controllo (C) secondo il modello di calcolo standard Modulo 11.

UID

Per ragioni di leggibilità, un trattino separa il prefisso dalla parte numerica dell’IDI, che a sua volta è divisa in tre gruppi di caratteri separati da un punto:

 

CHE-999.999.99C

 

Complemento IDI

Il complemento IDI Pagina esterna. Il contenuto è aperto in una nuova finestra indica (p. es. sulla carta intestata, sulle fatture, sulle ricevute o su altri stampati) se un’unità IDI è iscritta nel registro di commercio o è soggetta all’IVA. Il complemento non fa parte dell’IDI, perché la situazione in relazione al registro di commercio o all’assoggettamento all’IVA può cambiare.

Se un’unità IDI è iscritta sia nel registro di commercio sia nel registro IVA, i due complementi posposti all’IDI sono separati da una barra. Se viene meno una condizione per il complemento IDI, questo non è più utilizzato.

Se ad esempio un’impresa individuale è iscritta nel registro di commercio, al suo IDI è aggiunto il complemento IDI «RC»: CHE-999.999.996 RC

Se è anche soggetta all’IVA, al suo IDI è aggiunto anche il complemento IDI «IVA»: CHE-999.999.996 RC/IVA.

Se tale impresa è cancellata dal registro di commercio, il complemento IDI «RC» è eliminato: CHE-999.999.996 IVA .

Il numero resta sempre lo stesso, può cambiare solo il complemento. Se sono iscritti entrambi i complementi IDI, quello del registro di commercio è menzionato per primo.

Il registro IDI mette a disposizione questa informazione supplementare. L’iscrizione del complemento IDI da parte dei servizi IDI è tuttavia facoltativa. L’utilizzazione del complemento IDI è facoltativa anche per le unità IDI, a meno che la sua iscrizione non sia prevista da prescrizioni contenute in leggi speciali (p. es. uso dell’IDI come numero IVA).

Il complemento IDI può essere utilizzato indistintamente in italiano, tedesco e francese.

 

L’IDI come numero IVA

La sostituzione del numero IVA di sei cifre è effettiva dal 01.01.2014. Oramai solo l’IDI può essere utilizzato come numero di IVA.


Conformemente all’articolo 26 capoverso 2 lettera a Pagina esterna. Il contenuto è aperto in una nuova finestra della legge sull’IVA (LIVA), le unità assoggettate all’IVA devono specificare su ogni fattura il numero con cui sono iscritte nel registro IVA. Con l’IDI, il complemento «IVA» deve obbligatoriamente figurare accanto al numero.

Il formato del numero IVA da menzionare sulle fatture si presenta quindi come segue:

 

CHE-123.456.789 IVA

 

Numero IVA per le succursali iscritte nel registro di commercio

Le succursali iscritte nel registro di commercio sono assoggettate all’IVA tramite la sede centrale. In questi casi, l’IDI utilizzato per l’IVA è differente dall’IDI che identifica la succursale.

Esempio:
 IDINumero IVA
Dumoulin SACHE-123.456.789CHE-123.456.789 IVA
Dumoulin SA, succursale di GinevraCHE-123.456.788CHE-123.456.789 IVA
Dumoulin SA, succursale di LosannaCHE-123.456.787CHE-123.456.789 IVA

Imposizione di gruppo

Le imprese che fanno parte di un gruppo d’imposizione IVA (più imprese assoggettate con lo stesso numero) hanno un IDI del gruppo IVA utilizzato come numero IVA da tutte le imprese che fanno parte del gruppo d’imposizione. L’IDI da utilizzare come numero IVA è quindi differente da quello da utilizzare per identificare l’impresa (sede centrale o succursale).

Esempio:
 IDINumero IVA
Gruppo IVA Dumoulin SACHE-987.654.321CHE-987.654.321 IVA
Dumoulin SACHE-123.456.789CHE-987.654.321 IVA
Dumoulin SA, succursale di GinevraCHE-123.456.788CHE-987.654.321 IVA
Dumoulin SA, succursale di LosannaCHE-123.456.787CHE-987.654.321 IVA

 

Procedura di assoggettamento all’IVA

Per assoggettarsi all’IVA, le imprese la cui forma giuridica richiede l’iscrizione nel registro di commercio devono dapprima procedere all’iscrizione nel registro di commercio e ottenere un IDI.


Le imprese la cui iscrizione nel registro di commercio non è necessaria o è facoltativa possono assoggettarsi all’IVA senza aver prima ottenuto un IDI. Quest’ultimo sarà attribuito loro automaticamente al termine della procedura. Se invece all’impresa è già stato attribuito un IDI (in particolare in caso d’iscrizione di una ditta individuale nel registro di commercio), occorre specificarlo nell’ambito della procedura di assoggettamento.

È possibile assoggettarsi all’IVA seguendo la procedura online dell’AFC.

Link:

 

Domanda di attestazione dell’assoggettamento all’IVA

L’attestazione può essere ordinata compilando il modulo online disponibile sul sito dell’AFC.

Link:

 

L’IDI come numero del registro di commercio

La sostituzione del numero del registro di commercio di 11 cifre (CH-123.4.567.890-1) é effettiva dal 01.01.2014. A partire da questa data, l’IDI è il numero d’iscrizione valevole al registro di commercio.

 

Procedura d’iscrizione nel registro di commercio

Per iscrivere un’impresa nel registro di commercio, è necessario contattare il registro cantonale corrispondente.

 

L’IDI nel settore doganale

L’IDI sarà introdotto in seno all’Amministrazione federale delle dogane (AFD) nell’ambito del progetto «Gestione dei clienti della dogana (GDC)». L’IDI servirà come identificatore presso l’AFD e darà accesso, tra l’altro, allo sdoganamento delle merci per l’importazione, l’esportazione e il transito sui sistemi della dogana (p. es. e-dec, NCTS). L’attuazione di un sistema informatico centralizzato per il rilevamento e la gestione dei dati di base di tutti i clienti della dogana costituisce la base di tale introduzione. La gestione dei dati compete prevalentemente ai clienti della dogana stessi.

Accanto all’introduzione dell’IDI, il progetto «Gestione dei clienti della dogana» persegue i seguenti obiettivi: 

  • rilevamento e gestione centralizzati dei dati di base di tutti i clienti della dogana;
  • ottimizzazione della procedura di registrazione dei clienti della dogana (compresi i certificati) allo scopo di ridurre il dispendio legato al rilevamento e alla gestione dei clienti in e-dec e NCTS;
  • possibilità di gestire ruoli quali AEO, Da, Ea e DTe;
  • attuazione dei requisiti che scaturiscono dall’accordo bilaterale sulla statistica tra la Svizzera e l’UE.

Maggiori informazioni:

 

Interrogazioni collettive

Le imprese che intendono introdurre l’IDI nella loro banca dati possono trasmettere all’UST un file contenente almeno il nome, il NPA e il luogo delle imprese gestite. L’UST si incaricherà in seguito di completare il file con gli IDI corrispondenti secondo la procedura sottostante. La grandezza massima del file elaborabile in un’unica volta è di 8 MB (pari a circa 100'000 record). Il file può essere inviato all’indirizzo uid@bfs.admin.ch

 

Oggetto Documento Periodo
Interrogazioni collettive - esempio. Download (). Il contenuto si apre in una nuova finestra. 0 KB   Interrogazioni collettive - esempio
(do-i-00.05-uid-21)
Ufficio federale di statistica UST
2014
Matching Verfahren der Daten und Verbindung mit der MWST-Nummer. Download (). Il contenuto si apre in una nuova finestra. 260 KB   Matching Verfahren der Daten und Verbindung mit der MWST-Nummer
(do-d-00.05-uid-22)
Bundesamt für Statistik BFS
2013
Stampa la pagina | Chiudere la finestra